sabato 27 giugno 2015

IL RISVEGLIO DEI SENSI di Miss Black


Stasera vi voglio parlare di questa scrittrice self che a mio modesto parere viene presa un po' sottogamba solo per il fatto di scrivere romanzi di genere erotico. Secondo me pero' c'è molto di più. Buona lettura!

TITOLO: IL RISVEGLIO DEI SENSI

AUTORE: MISS BLACK

EDITORE: SELF PUBLISHING

GENERE: EROTIC SUSPANCE

TRAMA
Sono passati cinque anni dalla rivoluzione che ha cambiato la faccia del paese. Flor Garcia, figlia di un combattente morto, viene mandata come aiuto domestico nella casa di uno dei leader della rivolta, Santos Ruiz, che da anni vive isolato nella sua “finca” di campagna. Nessuno sa perché abbia rifiutato ogni incarico pubblico e si sia ritirato, ancora giovane, a vita privata. All’inizio Flor è intimidita da quell’uomo silenzioso, quasi seccato di averla attorno, ma presto tra loro si sviluppa un legame speciale, che diventa più profondo di giorno in giorno. Ma tutti i nodi vengono al pettine e non tutti sono felici degli esiti della rivoluzione, a partire da Santos...









RECENSIONE
Quando si compra un romanzo della signora Miss Black, si sa di avere tra le mani un romanzo corto, con scene erotiche esplicite e senza forzature. Si sa che si avrà a che fare con personaggi non proprio limpidi e puri, anzi tutt’altro. Quello che forse non si sa, è il fatto di ritrovarsi tra le mani dei romanzi che ci fanno pensare. 


Io seguo da sempre quest’autrice, mi piace molto e appena vedo una nuova uscita nello store di mia fiducia, lo compro senza nemmeno leggere la trama. Amo definire i suoi romanzi come quelli "di mezzo", quelli che vanno bene quando siamo appesantiti da letture importanti oppure quando siamo annoiati e vogliamo leggere qualcosa di leggero.
In effetti, il romanzo scivola bene, si legge in poche ore e il risultato è sempre soddisfacente. Però, ultimamente mi è capitato di notare che c'è anche un messaggio di fondo che l’autrice fa trasparire.
Qui parliamo di una giovane donna, Flor Garcia, figlia della rivoluzione e rimasta sola al mondo. I rivoluzionari saliti al potere si sono premuniti di aiutarla e di non farle mancare né un tetto sulla testa né un lavoro.
Il lavoro in questione è proprio quello di andare nella “finca” del leader rivoluzionario Santos Ruiz, una casetta in campagna, al di sopra delle ville mastodontiche che sono sorte dopo la rivoluzione, di chi, dalla guerra si è arricchito.
Santos non è voluto entrare a far parte del governo, cinque anni prima, convinto che i rivoluzionari dovessero farsi da parte per lasciare il posto a veri e nuovi politici. I suoi compagni, invece, la pensavano diversamente e quindi, hanno fondato un nuovo governo e si sono messi a comandare e ad arricchirsi come chi li aveva preceduti. Santos non li giudica ma non vuole più averci a che fare. E così entra in gioco Flor, la nuova “spia” inconsapevole del governo che vuole carpire informazioni su quel loro compagno isolato da tutto e da tutti, ma di cui il solo nome fa alzare grida di giubilio tra il popolo. 
Il romanzo è fondamentalmente un erotico, per cui di sesso ce n’è parecchio, la storia romantica anche e il corso della relazione non è forzato, è dolce, quasi romantico.


Miss Black ha un pregio enorme: crea personaggi veri, quelli che potresti incontrare tutti i giorni. Chi è troppo magro, chi ha il naso aquilino, chi non ha caratteristiche particolari per cui possa essere definito bello. Ma li rende belli, li rende piacevoli ai nostri occhi per le loro azioni, anche se parliamo di uno spacciatore o un killer di professione. Perché al mondo ci sono i buoni e i cattivi e non sono solo i buoni ad aver diritto a una seconda possibilità oppure ad avere una vita privata.
L’autrice crea sempre personaggi ambigui, che non sempre meritano il nostro rispetto ma di cui alla fine, ci affezioniamo perché anche loro quando amano, lo fanno col cuore.
Nel caso di questo romanzo è il turno del rivoluzionario, forse stavolta, l’unico tra tutti i compagni che ha veramente un cuore d’oro, ma che poi, ha preferito ritirarsi invece di denunciare. Denunciare i liberatori dai soppressori… ricominciare da capo? No, ha preferito lasciare il potere ai compagni e ritirarsi.
E così ci addentriamo nei giochi politici di un paese in rinascita, non si sa bene dove, si immagina possa trovarsi in un ipotetico Sud America, ma anche qui, l’autrice ci lascia ipotizzare e immaginare.
Ovviamente a me il libro è piaciuto. Per me Miss Black è una certezza per tanti motivi. Non sono capolavori né libri indimenticabili ma credo sia giusto scrivere di lei e non catalogarla come scrittrice di erotici e basta, perché la Signora è molto di più. Ha personaggi forti, che non possono piacere perché sono delinquenti ma che poi, ti conquistano.
Le donne, sono complesse, ognuna diversa dall'altra ma tutte hanno un carattere forte e non si lasciano calpestare. 
Io li consiglio, ma se cercate cuori e fiori allora non fanno per voi. Sono storie alternative e personaggi particolari, se volete questo, allora Miss Black è l’autrice per voi.

By Francesca


2 commenti:

  1. Gli uomini che descrive la miss sono tutti affascinanti e ognuno resta nei pensieri anche dopo aver chiuso il libro, ma questa lettura mi è scivolata addosso, non mi ha lasciato molto, appunto solo il ricordo del rivoluzionario .

    RispondiElimina
  2. Non posso credere che esista davvero (il libro, dico).

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...