martedì 27 ottobre 2015

ESTRATTO THE BABY "The Boss Series #5" di ABIGAIL BARNETTE



Grazie alla generosità di Abigail Barnette, che ha pubblicato sulla sua pagina questo estratto da "The Baby", in uscita a breve in USA, siamo in grado di condividerlo con voi, dopo averlo tradotto....




Stasera. Pavilon Français. Nel momento in cui varchi la soglia, sei mia. Non parlerai a meno che ti dica di farlo. Obbedirai a ogni mio comando.
Ho letto le parole più e più volte mentre stavo davanti alle porte. L'edificio, una ricostruzione del Pavillion Français a Versailles, Neil lo aveva trasformato con il preciso scopo di tenervi ogni tipo di delizie carnale con cui tormentarmi. E dentro, il mio signore aspettava.
Il cuore mi batteva nel petto. L'ordine era arrivato via corriere quel pomeriggio, scritto dalla mano del Signore. Avevo commesso l'errore di aprirlo alla mia scrivania. Era stato incredibilmente difficile concentrarsi sulle foto di giacche mentre stringevo le cosce tutto il giorno.
Ed era stato il suo piano, per tutto il tempo. Per farmi pensare a lui, mentre esercitava il suo controllo su di me, e al bisogno che avevo di sottomettermi a ogni suo capriccio sessuale. Era un bisogno che non sarebbe mai stato soddisfatto.
Quindi è un bene che fossi sposata con lui.
Mi sono trascinata traballante nell'aria tagliente di gennaio. Sono arrivata a casa in tempo per fare il bagno e acconciare velocemente i capelli in grandi, soffici riccioli che fluttuavano sulle spalle. Avevo fatto la mia parte, anche se non avevo idea di ciò che il Signore aveva progettato. Certe notti, mi sono trovata a braccia e gambe divaricate, legata ad un telaio in acciaio, mentre il Signore frustava il mio corpo con un flagellatore. Altre, sono stata piegata su una panca imbottita mentre una macchina del sesso meccanica mi veniva infilata dentro, mentre io gridavo attraverso il mio bavaglio. Non importa quanta cura abbia avuto del mio aspetto, si sarebbe completamente rovinato appena finito. Comunque, avevo disegnato una sottile linea di eyeliner nero su uno smoky sfumato grigio e colorato le mie labbra con un gloss prugna opaco. Sotto la mia vestaglia nera con le maniche a tre quarti, ho indossato mutandine marrone scuro e reggiseno di seta perfettamente tagliato. Le mutandine erano già bagnate in anticipo.
Ho preso un respiro profondo e ho spinto una delle porte aperte per entrare. Nel momento in cui ho varcato la soglia. La punta delle mie Black Madden Proto toccava le piastrelle. I miei piedi formicolavano. Il mio cuore batteva. La mia bocca si asciugò. Ho fatto un passo dentro ed ho chiuso la porta dietro di me.
Eccolo lì. Il mio signore. Mio marito. Neil Elwood.
Era seduto in una delle sedie Luigi XVI davanti al camino. Indossava una camicia bianca e pantaloni aderenti grigi, perfettamente pulito e presentabile, nonostante le cose depravate che mi avrebbe fatto. La luce dei ceri alti nei candelabri dorati oscuravano i suoi capelli, che erano più argento ora che biondo cenere. L'illuminazione soft, così, per integrare il lume di candela.
Mi fece cenno di avvicinarmi con uno schiocco di dita, e alzò una mano per fermarmi quando ha ritenuto di avermi abbastanza vicina.
Non aveva ancora pronunciato una sola parola, ma ero già sua.
Una porta cigolò, ma non osavo guardare lontano dallo sguardo del mio Signore. Ho sentito dei passi dietro, prima di una morbida voce leggermente accentata. "Buona sera, Chloe."
Il mio cuore si fermò nel petto.
"Sì, buona sera, Chloe,", disse Signore. Chloe era il personaggio che interpretavo quando eravamo con il nostro amante, Emir. Lo avevamo incontrato in un club esclusivo del sesso a Parigi, dove l'anonimato era stato di estrema importanza, ma ancora lo usavamo quando giocavamo. Erano come termini di affetto, ora.
Emir lentamente mi circondò, i suoi occhi scuri alla deriva sul mio corpo in segno di apprezzamento. Ero un oggetto sotto il suo sguardo, come un gioiello inestimabile o un'automobile esotica. La sua pelle dorata era ancora più scura nella calda luce fioca, e una spirale di peli scuri del torace spuntava dal colletto della camicia button-down nera.
Neil e io non avevamo più visto Emir da mesi, da quando stava predisponendo il suo divorzio e aveva mantenuto le sue inclinazioni sessuali più segrete del solito. Che fosse qui, in piedi nel nostro palazzo del piacere in miniatura, in una notte in cui sapevo avrebbe potuto succedere di tutto, sembrava un sogno.
"Hai capito i termini che ti ho mandato?" Chiese Neil, senza muoversi dalla sedia.
Ho annuito.
"Rispondimi."
Il mio respiro si fermò in gola. "Sì signore."
"Il nostro solito sistema della parola di sicurezza è a posto", ha proseguito. "Capisci?"
"Sì signore."
Emir non disse nulla, lo sguardo fisso sul mio. Fece scorrere un dito sulle mie clavicole, quindi in una linea lungo la carne, rivelata dalla scollatura a V del vestito. Tirò un lato, poi l'altro, rivelando i miei seni e il mio reggiseno satinato.
"Stasera, ho deciso di prestarti al mio amico. Ti userà voi come gli piace, e tu lo lascierai fare", ha dichiarato Neil. "Non potrai sollevare obiezioni, tranne che per parola di sicurezza. Non sei altro che un regalo per compiacere il mio amico. Capisci?"
"Sì, Signore." Il mio clitoride pulsava quasi dolorosamente, e strinsi le cosce per un po 'di sollievo.
"Grazie, Leif", disse Emir con un sorriso sornione. Un altro nome falso. Proprio come Neil aveva adottato Leif come sua identità presso l'esclusivo club di sesso parigino entrambi appartenevano a "Emir", che in realtà era El-Mudad ibn Farid Ibn Abdel Ati. Come Neil, El-Mudad era un miliardario con un debole per il sesso vizioso. Lui e Neil aveva progettato questo insieme, e il che non poteva che essere a mio vantaggio.
Emir prese la cinta del mio vestito e diede uno strattone. Essa si aprì, mi penetrò prima di spingere verso il basso le maniche. "Bellissimo. Proprio come mi ricordo. "
«Che ne dici, Chloe?» Chiese Neil.
Incontrai lo sguardo di Emir mentre il mio abito cadeva a terra. "Grazie."
"Prego". Emir fece scivolare le dita sotto le spalline del mio reggiseno. "Toglilo"
Mi ero appena vestita, ma sapevo non sarei rimasta abbigliata a lungo. Lo spogliarsi aumentò la mia eccitazione. A quel punto, il reggiseno era un giocattolo sessuale tanto come qualsiasi vibratore nell'armadio dei giocattoli.
Come sganciai il reggiseno e lo feci scivolare verso il basso, Emir si spostò dietro di me. Mi tirò indietro con una mano che coprì la gola. L'altra mano scivolò nelle mie mutandine.
"Guardami negli occhi, Chloe," il mio Signore ordinò. Feci come mi aveva ordinato e vidi il fuoco oscuro della possessività accendersi.
"E 'arrabbiato" Emir sussurrò contro il mio orecchio. Strofinò il mio clitoride con la punta delle dita. "Sarà lui a punirti dopo questo, lo sai."
Ho annuito. Non avrei dovuto parlare.
"Come farai a punirla, Leif?» Chiese Emir, la mano sul mio collo mi accarezzava arrivando al seno.
Neil si appoggiò con il gomito sul bracciolo della poltrona e portò la mano al volto pensieroso, le sue dita curve davanti alla sua bocca. Godeva della sua gelosia, di punirmi, soprattutto. Con un lungo sospiro, disse: "Il bastone, credo. Non lo usiamo da un po'."
I miei nervi hanno cantato di gioia alla promessa del dolore, e del piacere che sarebbe venuto con esso.
E per prima cosa il mio clitoride vibrò sotto le dita abili di Emir. Infilò un piede tra i miei e sussurrò: "Divarica per me."
Mi aprii per offrirgli un migliore accesso. L'altra mano a coppa sul seno, palpava, e mi appoggiai contro di lui per sostenermi.
"Potrei farti venire così," mormorò contro il mio orecchio. "Mi manca il modo in cui vieni sopra la mia mano."
Le mie ginocchia tremavano.
"Ma io non posso più aspettare."
Traduzione di Barbara
Editing di Gabriella

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...