giovedì 1 ottobre 2015

LA MALEDIZIONE DI PERSEFONE "L'esercito degli Dèi #3" di Thalia Mars



Finalmente scopriamo quale sarà il destino del demone maledetto Ric e della bellissima Ninfa Dina. Abbiamo avuto il piacere di leggere il terzo capitolo della saga "L'esercito degli Dèi" dell'italianissima Thalia Mars, in anteprima per voi. Ecco cosa ne pensiamo! Buona lettura!



TITOLO: LA MALEDIZIONE DI PERSEFONE

SERIE: L'ESERCITO DEGLI DEI #3

AUTORE: THALIA MARS

GENERE: URBAN FANTASY

EDITORE: SELF PUBLISHING

Serie l'esercito degli Dèi  ANTEPRIMA SERIE QUI
1. La Chiave di Poseidone (RECENSIONE QUI)
2. I figli di Apollo (RECENSIONE QUI)
3. La maledizione di Persefone

TRAMA
Ric ha perso la sua anima gemella, perché le leggi degli Dèi vietano a un demone e una ninfa di amarsi.
Da quando non può più parlarle, la sua vita sembra aver perso di significato e il demone si limita a sopravvivere, giorno dopo giorno, preda della disperazione.
Ma se qualcosa cambiasse tutto?
Se, all’improvviso, tornasse di nuovo umano?
Allora potrebbe stare con la sua myssi senza infrangere nessuna regola e vivere quell’Ektel, quella completezza, che insegue da oltre cento anni.
Gli Dèi, però, non tollerano chi disobbedisce alle loro regole e Persefone, la Regina degli Inferi, è pronta a punire entrambi per quella violazione. Dovranno combattere per aver salva la vita e solo un uomo può aiutarli: Damian, il Principe dei Guerrieri.
Ma, dopo tutto il tempo che hanno trascorso lontani, Ric e Dina si ameranno ancora abbastanza per continuare a lottare?











RECENSIONE
Partiamo subito dicendo che ho atteso questo libro per mesi e mesi. Ricordate il primo capitolo della saga? (RECENSIONE QUI) e per rinfrescare le menti anche il secondo libro (RECENSIONE QUI). Ricordate il demone sfregiato e maledetto Ric e il suo amore tormentato per la ninfa guerriera Dina? Esatto, proprio questo amore che di prepotenza si è intromesso nella storia che doveva raccontare di Damian e Sophia, e invece ci ha mostrato anche scorci dell'amore-odio che dominavano i cuori di questi due amanti? Ecco, che in questo terzo volume vedremo il loro giusto epilogo.
Mi sono subito innamorata di Ric, della sua ironia e sfacciataggine, della sua totale devozione per quella sua myssi abbandonata per salvarle la vita e l’ho compatito e mi sono commossa quando, grazie alla maestria dell’autrice, mi trovavo a provare la sua stessa agonia per non poter toccare quella sua metà esatta di anima. Perché, per chi l'avesse dimenticato, Ric è un Oimedo, un demone dal sangue velenoso per il genere umano, basta che una sua lacrima entri in contatto con un umano che questo, verrebbe infettato da una malattia che lo porterebbe alla morte in poche ore. Se il contatto fosse con il sangue basterebbero pochi secondi per la morte. Di conseguenza, mentre Dina ritornava umana per l'effetto dell'unione con il suo myssi, veniva avvelenata.
Tornando al libro... potete immaginare con quanta gioia io abbia accolto la possibilità di leggerlo in anteprima! 
Per cui partiamo e immergetevi con me nel mondo del khrathos e di questi Dèi capricciosi e vendicativi.


Sono passati vent’anni. Ci ritroviamo nel 2032, ma le cose non sono cambiate granché. Damian è sempre senza Sophia, Ric è sempre senza Dina e i Maximi sono sempre più focosi.
Detto questo, ben presto le cose si evolveranno… Ricordate l’epilogo del primo libro? Ricordate la ricongiunzione tra Damian e Sophia? Vi giuro che se non ci fosse stato quell’epilogo, all’epoca, avrei adorato di meno questa saga. Sì, perché la signora Mars è veramente diabolica. A ogni passaggio del libro, dove la felicità regna incontrastata, si ha sempre la paura della catastrofe in arrivo. Infatti, sebbene i nostri protagonisti siano immortali o semi-dèi, non possono fare nulla contro i giochi maligni degli Dèi greci. Per cui lo sapevo già che non potevano essere rose e fiori per Damian e Sophia… Non mi sono sbagliata! Ma lascio a voi il gusto di immergervi nel loro folle amore e nella disperata ricerca dell’Ektel.


Per quanto riguarda invece la coppia principale del libro, Dina è diventata la Ninfa Madre delle Ondine di Favignana, dopo aver ridato la ninfa Sophia al suo myssi, inevitabilmente ripercorre i momenti a lei più cari degli anni passati in compagnia di Aerico, Ric, il suo compagno di vita perduto e maledetto da Persefone. Non lo vede e non lo sente da vent’anni, da quando si erano detti un addio strappalacrime in cui la Dea aveva permesso loro di salutarsi per l’ultima volta. Infatti, il canale per riconoscersi, per loro, erano sempre state le voci. Ric non potrà mai più rivolgerle parola. In caso contrario, Dina verrà risucchiata all’Inferno. 
Ragazze, che tortura. Lo potete immaginare? Vivere in eterno senza più vedere né ascoltare la tua anima gemella. E qui ribadisco che la Mars è veramente diabolica e sadica.


Dina capisce che Sophia era il suo ultimo legame con Ric, appartenente all’esercito di Damian. Non avrà più nessuna scusa per riuscire a sapere di lui, non avrà più nessun modo di sperare.
Ma non tutto è perduto. Succederà una specie di miracolo in cui i nostri due protagonisti avranno una seconda chance. Ric ritornerà umano, anche se non potrebbe accadere, e si fionderà a prendere di prepotenza la sua myssi per riuscire finalmente a vivere felici.
Ma sappiamo bene che quando parliamo di Dèi greci, non si deve mai sperare troppo. Non sarà facile e forse è più giusto dire impossibile per questa coppia raggiungere e mantenere l’agognato Eketel.
Dire che è stato un turbinio di emozioni, è dire poco. Questa scrittrice ha l’abilità di far aumentare i miei battiti cardiaci a dismisura. Avevo il terrore di voltare pagina per la paura di ritornare in qualche antro buio di disperazione. Questa è bravura, indubbiamente.


L'autrice è anche stata fantastica per essere riuscita a incamerare più vite nello stesso libro. Conosceremo meglio Hektor, il secondo di Damian, un uomo che tutte sogneremo per molto tempo. Ci ha fatto conoscere meglio anche altri Maximi, alcuni particolari delle loro storie e poi, ovviamente, scopriamo tutti i misteri che avvolgono i nostri protagonisti.
Mi aspettavo un finale dolce & amaro e così è stato, anche se un po’ più clemente rispetto agli altri due libri. Ora aspetto il quarto, sperando sia su Hektor, ma è una mia speranza… Signora Thalia Mars… vero che sarà su Hektor?!? Ti prego!!
Concludendo, ribadisco che l’autrice ha molto talento e soprattutto è in grado di coinvolgere il lettore con una maestria impagabile. Bellissimo libro nonostante sia, come gli altri, molto lungo, ma non annoia e non smette di tenerti incollato alle pagine. 


Lo consiglio assolutamente ma per gustarlo bisogna leggerlo dopo gli altri due, altrimenti non si capirebbe nulla e sarebbe veramente un peccato. Io continuerò a seguire questa saga che mi ha veramente coinvolto, mi fa provare emozioni fortissime, alterna la gioia più pura alla disperazione più profonda. Spero arrivi in tempi brevi anche il prossimo libro così da potermi immergere nuovamente nelle vicissitudini di questa famiglia allargata. 
Un'ultima cosa... Ma lo sapevate che Jim Morrison in realtà era il Dio Dioniso?!? XD
Alla prossima!
By Francesca

2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...