venerdì 4 dicembre 2015

PAULLINA SIMONS CI PARLA DELLA SCENEGGIATURA DELLA SUA TRILOGIA


Ogni tanto esce la notizia della realizzazione del prossimo film sulla trilogia più tormentata e amata degli ultimi tempi... La Simons in una dichiarazione al San Francisco Book Review ci racconta cosa succede veramente e ci comunica cosa succederà della trasposizione cinematografica dei suoi libri...



Quindici anni fa, nel 2000, mesi dopo aver terminato "The Bronze Horseman", mi sono seduta e in una settimana ho scritto una sceneggiatura basata sulla storia di Tatiana e Alexander. La regola per le sceneggiature è di circa una pagina al minuto. Quindi un film di due ore è pari a 120 pagine di testo scritto. Il mio copione era di 285 pagine.

Andando avanti veloce facevano 10 anni. Quando è arrivato il momento di firmare un'opzione con un produttore cinematografico ho finalmente aperto e letto la mia sceneggiatura ma ho capito che non la potevo far vedere neanche al mio cane. Non era né un libro né un copione, ma un miscuglio di paragrafi predefiniti con alcuni dialoghi occasionali messi assieme.

Ho detto loro che avevo bisogno di un paio di settimane per sistemarlo. Due settimane al massimo.

Dopo 18 mesi, i produttori avevano assunto un altro (attuale) sceneggiatore per tentare un adattamento, mentre io stavo ancora mormorando: quasi fatto, quasi fatto.

Ho rivisto e riscritto e modificato e adattato la mia prosa troppo matura riducendola a 208 pagine striminzite. I produttori hanno detto che era troppo lungo. Oltre a ciò, ritenevano che ci fosse troppa morte e guerra. Ho chiesto loro se avessero mai letto il mio libro.

Dopo che l'opzione scadde, revisionai per un altro anno, in modo che quando il produttore successivo avesse suonato il campanello avrei avuto qualcosa di solido e succinto da offrire. La sceneggiatura adesso era di 192 pagine. Il produttore lesse, e disse che le era piaciuta molto. Ma doveva essere più breve. Così durava tre ore. Gli ho fatto una dozzina di esempi, dal Dottor Zivago a Titanic - film che erano anche più lunghi del mio. Non era convinto. Ripresi il taglio della sceneggiatura. Normalmente posso scrivere 12 pagine tra la colazione e il pranzo, ma mi ci sono voluti sei mesi e centinaia di ore per tagliare quelle ultime 12 pagine.
Dopo aver finito, ero ingrassata 12 libbre. 

"Perché le parole sono come l'energia. Non si distruggono, si trasformano in ciambelle." 

Il produttore e il regista lo lessero, bonfonchiarono e mi scrissero eccellenti mail su quale miracolo era successo e su come erano colpiti e eccitati.
Poi hanno indetto una conferenza.
Sì, era bello. Sì, era solo la lunghezza che avevano chiesto, e sì, c'era ancora tempo per finanziarlo, di trovare investitori per farne il grande film che sapevano che poteva essere e sarebbe stato... tranne una cosa.
Era troppo lungo.
Nessuno era disposto a sostenere un film indipendente di tre ore. Nessuno l'avrebbe nemmeno preso in considerazione. Prima che il produttore trovasse i soldi, avevo ancora un po 'di lavoro da fare. Avrei dovuto tagliare altre 30 pagine.
"Ma è impossibile!» Gridai.
Il produttore disse che o facevo i tagli o il film non sarebbe mai stato fatto.
Per una settimana mi disperai. Non entravo più in nessuno dei miei abiti! Mio marito mi avrebbe lasciato! I miei figli non mi riconoscevano!
Un mese più tardi ho consegnato il copione finale di 157 pagine. Tutti bonfonchiarono di approvazione.
E poi l'opzione uscì.
Alla fine, qualcun altro ha bussato alla mia porta. I miei nuovi produttori amavano il libro e il copione piaceva. Arrivò l'inevitabile telefonata. 
"E 'troppo breve," hanno detto. "Si perde tutto. Le emozioni, l'anima, il cuore di ciò che si avvertiva nel libro non c'è più. Non lo pensi anche tu? Si può allungare? " 
Il che ci porta a oggi. Adesso sto scrivendo una miniserie. Tutto è fantastico. Dodici episodi di un'ora equivalgono a 600 pagine di Tatiana e Alexander

"E' il 1941, in estate a Leningrado, e la guerra è appena iniziata, e l'ufficiale dell'Armata Rossa con segreti che lo mettono in pericolo di vita è perdutamente innamorato dell'operaia dal magnifico abito. C'è tempo per la battaglia e per il tradimento e per le passeggiate notturne nel giardino estivo e per l'amore in prima linea di Luga e nei fiumi che scorrono vicino agli Urali."

C'è tempo per tutto. 
E sono più magra.


Tratto da San Francisco book review

Traduzione dello Staff New Adult e dintorni

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...