sabato 26 marzo 2016

SOGGETTO 13 di ETHAN STONE


Un romanzo M/M all'insegna della suspense in questo libro edito dalla Triskell, firmato da Ethan Stone! Martina lo ha letto per noi, vediamo che dice....


TITOLO: SOGGETTO 13

AUTORE: Ethan Stone


EDITORE: Triskell Editori

GENERE: M/M suspence


La vita di Luke Kincaid sta andando in pezzi. Prima il suo uomo lo lascia per sposare una donna, poi gli incubi d’infanzia ricompaiono con insistenza.Luke trova conforto nella rinnovata amicizia con il compagno di liceo Ben Skinner. Si impegna a rimettere in sesto la propria vita, ma i ricordi repressi ne minacciano ogni aspetto. Insieme a Ben indaga sul suo passato mentre combatte l’attrazione per lo stesso Ben, che crede essere eterosessuale.
Ma qualcuno non vuole che i due scoprano la verità e la vita di Luke è in pericolo. Luke non può interrompere la sua ricerca, nemmeno quando scopre di avere a che fare con un insabbiamento da parte del governo. Luke e Ben devono scoprire i segreti del passato di Luke e nello stesso tempo fare i conti con i loro sentimenti reciproci.



Mi sono avvicinata al genere mm non da molto, per caso mi ero imbattuta in un trama che mi aveva particolarmente incuriosito, e da lì me ne sono innamorata.
Questo genere di racconto non ha ancora un pubblico molto vasto, è visto ancora come un tabù, quindi, è di vitale importanza che la scrittrice o lo scrittore sia molto bravo a far sì che la storia appassioni e coinvolga e che, soprattutto emozioni.
Dal primo m/m che ho letto ne sono seguiti tantissimi, alcuni mi hanno coinvolto e emozionato altri non mi hanno lasciato niente, ma questo può accadere benissimo con tutti gli altri generi di libri. Quando ho letto la trama di SOGGETTO 13 di ETHAN STONE dove si parlava di suspence mi sono subito precipitata a leggerlo, mi sono imbattuta in molti libri dove la suspence era il piatto forte, oltre naturalmente, la storia dei protagonisti di cui solitamente mi innamoro.
Su questo romanzo, però, ho molto da ridire, normalmente non sono distruttiva e cerco di cogliere sempre il lato “buono” del libro anche quando non rispecchia i miei gusti, ma quando (come in questo caso ), un libro oltre a non avervi colpito è riuscito a lasciarmi niente se non incredulità, mi è difficile non dire quello che penso.




Il protagonista di questo libro è Luke, un ragazzo che dei primi sei anni di vita non ricorda assolutamente niente (e che se lo ricorda? Io poco o niente). Abbandonato viene adottato da una famiglia e cresciuto con il dovuto amore e affetto.
Si parte subito con una storia finita dopo otto anni, Shane lo lascia per sposarsi con Elaine sua compagna di università e senza troppe spiegazioni su questa sua scelta se ne va. 
Tutti i capitali iniziano con una nota dove si fa presagire la suspance, quindi con ottimismo proseguo la lettura, man mano che vado avanti mi rendo sempre più conto che non sarà come lo avevo immaginato, ma neanche lontanamente.
Adesso Luke è rimasto solo, ha perso la madre da poco e non riesce a elaborare e tantomeno accettare che anche Shane lo abbia abbandonato ma non vuole arrendersi e si ripromette che farà di tutto per riconquistare il suo cuore. “Il farà di tutto” si limita ad andare al matrimonio del suo ex per far sì che lui non si sposi. Qui incontrerà un suo vecchio amico di infanzia, Ben, che nient’altro è che il fratello della sposa, quindi tra due chiacchiere e i vecchi ricordi che tornano a galla decidono di andare a bere qualcosa insieme.



Luke decide (e non si capisce bene il motivo) di restare a vivere da Ben, il quale mette subito in chiaro che lui è eterosessuale e che non ha nessun problema riguardo all'omosessualità di Ben… assicurandolo anche che la convivenza non sarà un problema. 
Sono a buon punto del libro, sono al punto in cui la suspance dovrebbe fare capolino.... niente non si preannuncia niente….. l’unica luce che intravedo e che mi dà speranza è il fatto che sia suo padre che il padre di Ben invitano Luke a tornarsene a casa che quello non è il posto per lui. 
La storia prosegue così, senza movimento a parte quello riguardante il sesso (fanno solo quello) le scene passionali, quelle che dovrebbero farmi restare incollata al libro sono descritte talmente male che mi è impossibile crearmi una qualsiasi fantasia. 
Tutto si svolge molto velocemente, i dialoghi sono praticamente inesistenti e privi di qualsiasi forma, mentre leggevo non provavo niente, alcuna emozione. 
I protagonisti di cui mi sarei dovuta innamorare sono lontani da qualsiasi immaginazione, sono descritti poco e male tanto che non si riesce neanche a immaginare un viso, un corpo, che rappresenti quello che si sta leggendo così da poter vivere il libro. 
Non accade niente. Storia piatta, senza una forma, senza emozione. 
Ma sono testarda e continuo la lettura, attendo la suspance, e vengo accontentata con un'assurda spiegazione di quelle introduzioni che sono all’inizio di tutti i capitoli, di quelle quattro parole che in teoria avrebbero dovuto farmi restare con fiato sospeso, di quelle che, dovevano essere la chiave del libro. 
Ma ancora il vuoto, si capisce qualcosa ma è tutto talmente banale e senza coinvolgimento che fatico ancora a crederci, tutto il lato “ SUSPANCE” viene risolto e spiegato in poche misere pagine, tutta quella attesa per il colpo di scena che non arriva viene sostituita dall’unico colpo di scena che realmente accade. Ben è gay e da sempre è innamorato di Luke, che se proprio voglio essere carogna lo si capisce dopo poche pagine. 
Non posso consigliarvi questa lettura, non è vicina a un romance m/m neanche lontanamente e credo che l’autore dovrebbe rivedere il significato di suspance, e non solo…. nella narrazione non c’è coinvolgimento e la scrittura è frettolosa e poco dettagliata, il dettaglio caratterizza questo genere di romanzi perché le scene d’amore, passionali, erotiche, se non sono descritte bene non fanno vivere il libro, e di conseguenza, non si riesce a conoscere i protagonisti e a innamorarsi di loro, e io voglio innamorarmi!



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...