lunedì 15 agosto 2016

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: DARK BLUE "Captive Series #1" di C.J. ROBERTS


Dark Erotic Romance. O lo ami o lo odi questo genere, c'è poco da fare. E come si fa ad amare storie in cui l'uomo che ci fa palpitare il cuore è lo stesso aguzzino che vorremmo vedere morto? Una bestia, un carnefice, un mostro. Eppure in moltissime divoriamo questo genere nuovo che prende sempre più piede. Questo non è che l'ennesimo successo dark che ha catturato la nostra blogger.

TITOLO: DARK BLUE

SERIE: CAPTIVE #1

AUTORE: C.J.ROBERTS

EDITORE: NEWTON COMPTON

GENERE: DARK EROTIC ROMANCE

DATA DI USCITA: 17 AGOSTO 2016

Captive Series: ANTEPRIMA SERIE QUI 
1. Dark Blue 17 Agosto 2016
2. Seduced in the Dark
3. Epilogue
3.5. Determined to Obey



Caleb è un uomo con un unico obiettivo: la vendetta. Rapito da ragazzino e venduto come schiavo da un mafioso affamato di potere, da allora non ha mai pensato ad altro che a vendicarsi. Per dodici anni ha esplorato il mondo degli schiavi del piacere alla ricerca dell’uomo che ritiene responsabile del suo tremendo passato. Finalmente riesce a trovare l’artefice della sua sofferenza: ha una nuova identità, ma la stessa natura di un tempo. Per avvicinarsi abbastanza da colpirlo, Caleb deve trasformarsi in ciò che più odia e rapire una bellissima ragazza perché sia la vittima che lui stesso è stato.

Olivia Ruiz ha diciotto anni e si è appena svegliata in uno strano posto. Bendata e legata, ad accoglierla c’è soltanto una calma voce maschile. Si chiama Caleb, ma vuole essere chiamato Padrone. Olivia è giovane, bellissima, ingenua e testarda. Possiede una sensualità oscura che non riesce a nascondere. Pur essendo terrorizzata dall’uomo forte, sadico e arrogante che la tiene prigioniera, l’irresistibile attrazione che prova per lui la tiene sveglia nel buio.





Parlarvi di questo libro non sarà semplice. Ho provato emozioni contrastanti durante la lettura, ho sentito una connessione sin dalle prime pagine con Caleb, l’orco cattivo, il bambino diventato per sopravvivere, un mostro. Quello che più mi ha scosso maggiormente di questa lettura, contrariamente a come accade solitamente, non è stata la violenza fisica, o la cattiveria, o il plagio psicologico che la vittima subisce dal suo carnefice, è stato il personaggio di Caleb che fino alla fine non ha smesso di angosciarmi. 






Dark Blue, primo libro della serie Captive di C.J.Roberts non si può raccontare, va letto. Mi ha risvegliato dentro una tristezza infinita che non si può semplicemente scrivere in due parole. Non saprei da dove iniziare per trasmettere tutte le sensazioni che ho provato. Sono infinite. Sono quelle emozioni che difficilmente si riesce a mettere su carta. Caleb non è solo un uomo che rapisce una ragazzina per farla diventare una schiava per la sua vendetta, è un uomo che conosce solo l’odio e il dolore. E quando parlo del dolore non mi riferisco solo a quello fisico, ma anche a quello psicologico, che ti entra nelle ossa, quello che diventa talmente parte di te che non riconosci più te stesso. Questo è Caleb. Vi devo avvisare che ci sono parti della storia molto forti. Per capire il personaggio di Caleb l’autrice ci fa rivivere i ricordi che lo hanno portato a essere quello che è diventato. Ho pianto e non vi vergogno a dire che mi sono venuti i brividi. 




Caleb adesso vive per la sua vendetta: uccidere l’uomo che lo ha reso un mostro, Rafiq l’uomo che lo ha salvato da morte certa è suo alleato in questo scopo. Per motivazioni diverse, entrambi vogliono la morte di Vladek. L’unico modo per avvicinarlo è la tratta delle schiave sessuali, un commercio che Vladek conosce fin troppo bene. Sono anni che Caleb si prepara per questo momento, sono anni che addestra donne alla sottomissione, e tutto per entrare nel giro e farsi un nome. Un nome che deve essere importante agli occhi di Vladek. Livvie è una preda perfetta, giovane, vergine e con una famiglia disadattata che non la cercherebbe molto dopo la sua scomparsa.
Dovrà renderla fragile, sottomessa a tutto quello che le faranno, a tutto quello Vladek vorrà farle.
Caleb farà in modo di farle accettare che i suoi desideri non hanno più importanza, che lei apparterrà a un padrone, che tutti i suoi sogni non esisteranno più. Livvie è una protagonista che è riuscita a entrarmi dentro, ho visto la sua fragilità trasformarsi in rabbia e poi in ribellione. Ho sentito la sua paura e terrore nel non capire in cosa aveva sbagliato per ritrovarsi prigioniera, legata, e nelle mani di un pazzo. Ma durante il suo rapimento ho sentito anche i demoni di un uomo che per la prima volta rivede in Livvie se stesso. 


Ho conosciuto un Caleb cattivo per le mostruosità che infligge a Livvie, ma ho conosciuto anche un uomo che per quanto voglia nasconderlo ha un cuore.
Mi ci vorrà un po' per riprendermi da questa lettura, è stata intensa, non mi aspettavo di restare coinvolta così tanto. Adesso non mi resta che aspettare il secondo volume.
Consiglio questo libro ricordandovi che fa parte di una serie, e consigliandovi una tisana calmante durante la lettura. 



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...