sabato 8 ottobre 2016

RECENSIONE: A CAUSA TUA di SAMANTHA M SWATT


Salve Readers, la recensione di oggi è su un romanzo self publishing autoconclusivo. La scrittrice è  Samantha M. Swatt che molte di voi conosceranno per la serie fantasy “the different worlds”, questa volta si cimenta in un genere nuovo per lei, il new adult, vediamo cosa ne pensa Annuccia che ha letto il libro per noi.

TITOLO: A CAUSA TUA

AUTORE: SAMANTHA M SWATT

SERIE: AUTOCONCLUSIVO

GENERE: NEW ADULT

EDITORE: SELF PUBLISHING

DATA D'USCITA: 3 OTTOBRE 2016




Non puoi sfuggire al dolore, devi affogare in esso. Solo lottando potrai riemergere. Per troppo tempo la vita di Lacey Clarkson è stata peggiore dell’inferno. Intrappolata in una spirale di inganni e umiliazioni, ha deciso di lasciare New York per rifugiarsi a Montpelier, nel Vermont. Nessuna pianificazione e pochi soldi in tasca. Una fuga in piena regola, per evadere dal peso di errori che non le danno tregua neppure di notte. Eppure la sfortuna sembra non abbandonarla un attimo, e quando una serie di avvenimenti la porta davanti alla cioccolateria gestita da una ragazza tutta pepe, Lacey non sa se può fidarsi. Arlette Johnson vive con i nonni e manda avanti l’attività di famiglia. Ed totalmente disinteressata al suo futuro universitario. Tuttavia, non esita un secondo ad accogliere la nuova arrivata e ad offrirle un lavoro. La vita, almeno per una volta, sembra aver regalato a Lacey un po' di respiro. Almeno fino a quando Arlette non le fa una proposta impossibile da rifiutare. E mentre i problemi di Lacey sono ancora in agguato dietro l’angolo, per nulla intenzionati a lasciarla in pace, altre complicazioni sembrano spuntare all’orizzonte. Ma questa volta hanno la forma di un ragazzo carino, testardo e sorprendentemente interessato a lei.
Dawson Parker è all’ultimo anno di college. Tipo alla mano, amico sincero e studente modello. E pare proprio non avere la minima intenzione di essere messo da parte. Malgrado i continui rifiuti di Lacey, è sempre pronto ad aiutarla e tirarle su il morale. Ma troppe domande continuano ad affollare i suoi pensieri. Qual è il segreto che si cela dietro agli occhi malinconici e spenti di quella sfuggente ragazza? Riuscirà, prima o poi, a sciogliere il gelo dentro cui si è barricata? La verità viene sempre a galla, questo Lacey lo sa bene. Ma quale sarà la reazione di Dawson, quando la scoprirà? Sarà in grado di comprenderla oppure la farà definitivamente affondare?



All'inizio di questa storia troviamo la protagonista Lacey in un momento di svolta per la sua vita, è appena atterrata in una piccola cittadina del Vermont che è tutto l'opposto dal caos di New York a cui è abituata.
Giunta a Montpelier una serie di sfortunate coincidenze la portano nei pressi della cioccolateria “Le Chocolat” dove incontra Arlette e i suoi nonni che le offrono un rifugio per la notte e ben presto si trasforma nel suo porto sicuro.
Nonostante la distanza che ha messo tra lei e i suoi problemi, però gli incubi e gli attacchi di panico la costringono a temere chiunque entri nel suo spazio vitale.
Da chi è scappata? E Perchè? Chi è Harlan? E Gabriel?
L'autrice è stata brava in questo, ha disseminato lungo tutto il romanzo alcuni indizi che spetta al lettore cercare di captare per ricostruire il puzzle della vita della protagonista.



Di contro però la prima parte della storia stenta a decollare e questo è un male perché molti lettori potrebbero stancarsi e mollare una lettura che poi prende il volo, ti incolla alle pagine anche con il cambiamento di punto di vista che si sposta momentaneamente da quello della ragazza a Dawson, il giovane uomo che riuscirà con la sua dolcezza e gentilezza ad abbattere colpo dopo colpo il muro che circonda la vita di Lacey. Anche lui è un'anima tormentata. Un evento traumatico della sua infanzia lo spinge a donarsi agli altri, a cercar di salvare la gente con gli occhi tristi come quelli della protagonista.
Devo ammettere che non mi aspettavo proprio tutto quello che sta dietro alla malinconia di Lacey anche perché mi era difficile immaginare che avesse un vissuto cosi complicato e duro.



Ruolo importante in tutta la storia è quello di Arlette, questa ragazza che ama follemente la danza, che odia l'idea di frequentare il college, e che gestisce il negozio dei nonni; sarà una sua folle idea a mettere Dawson nel cammino di Lacey, idea che comunque mi è sembrata molto inverosimile, ma di cui non vi parlo per non spoilerare. Arlette saprà cogliere i piccoli segnali di disagio di Lacey, ma le lascerà i suoi spazi, lascerà che si confidi quando si sente pronta, diventando quell'amica che la protagonista non ha mai avuto veramente.
Oltre ad Arlette, troviamo anche altri personaggi che saranno di supporto a Lacey nella dura battaglia che deve combattere: Ivy, ragazza solitaria con cui legherà al college, Jensen, l'amico silenzioso di Dawson e pure il fratello di Lacey, Royal, a cui secondo me l'autrice darà una storia tutta sua.



Una menzione speciale va fatta assolutamente alla cover di questo romanzo, che mi ha incantata fin dal primo momento: questa ragazza che cerca di riemergere in superficie con una frase che non dimenticherò facilmente
“non puoi sfuggire al dolore, devi affogare in esso. Solo lottando potrai riemergere”.

Vi consiglio di leggere la storia di Lacey, che ha lottato con le unghie e con i denti per riaffiorare dal tunnel in cui era rimasta incastrata.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...