martedì 1 agosto 2017

Recensione: ASPETTAVO SOLO TE di A.I. CUDIL


Salve readers, oggi la RECENSIONE è su un SELF PUBLISHING di recente pubblicazione. L'autrice è una nostra conoscenza, A.I. CUDIL, alcune di voi la ricorderanno per la Six Senses series pubblicata con Giunti (ANTEPRIMA QUI)
Barbara ha letto il nuovo libro per noi, andiamo a scoprire le sue impressioni.

TITOLO: ASPETTAVO SOLO TE

AUTORE: A.I. CUDIL

GENERE: CONTEMPORARY ROMANCE

EDITORE: SELF PUBLISHING

DATA DI USCITA: 26 LUGLIO 2017

AUTOCONCLUSIVO


Pauline ha un brillante futuro che l’aspetta. Dopo anni di studio e di sacrifici è riuscita a realizzare il suo sogno e diventare medico. Chi l’avrebbe mai detto che un giorno sul tavolo operatorio avrebbe ritrovato il suo vecchio amico d’infanzia che per tanto tempo l’aveva fatta soffrire? Come ci si comporta con un uomo che credeva un delinquente e che invece ora scopre essere un gendarme della polizia giudiziaria ferito in un’operazione sotto copertura?
Stefan ha lottato tutta la vita, ha commesso molti errori ed è caduto troppe volte. Ma si è sempre rialzato e ora ha trovato il suo equilibrio. Fa il lavoro perfetto per lui ed è sereno, almeno finché tra la mascherina e la cuffietta del medico che lo assiste ritrova gli occhi azzurri e sorpresi di Pauline. Ce l’ha fatta! La sua piccola pestifera amica d’infanzia si è trasformata nella donna che ha sempre voluto essere. 
Quello che Stefan non sa è che Pauline è da sempre invaghita di lui e che le ha provate tutte pur di dimenticarlo. 
Quello che Pauline non sa è che Stefan non si è mai considerato alla sua altezza e l’ha sempre pensata irraggiungibile.
E se fosse arrivato il momento di smetterla di nascondersi e di provare a conoscersi davvero? Perché la vita riserva sempre delle sorprese e forse entrambi la persona giusta l’hanno già incontrata, devono solo afferrarla e tenerla stretta.


Questo è il primo romanzo che leggo di A.I. Cudil e finalmente ne faccio conoscenza.
È la storia di Stefan e Pauline.
Pauline è un medico anestesista ed è proprio durante il suo turno in un ospedale di Marsiglia che ritrova il suo amico dell'adolescenza Stefan.
Pauline non sa che Stefan è diventato un agente della Gendarmerie francese e più precisamente un infiltrato.
Grazie alla sua passata fama di delinquente, nessuno sa a Cavaillon (il loro paese di origine) ne tantomeno ad Avignone del suo vero lavoro.
Stefan arriva con una ferita da arma da fuoco in sala operatoria e proprio prima di prendersi cura di lui basta un'occhiata per tornare indietro nel tempo.


Pauline è stata per molto tempo innamorata di lui ma Stefan non lo sa.
Stefan, insieme a Paul, il fratello gemello di Pauline, il cugino e un altro amico componevano un gruppo di amici molto affiatato fin da bambini.
La famiglia di Pauline era diventata la sua, quella che non ha mai avuto.
Però, mentre Paul decideva di diventare un ufficiale dell'esercito francese, Stefan si attorniava di personaggi poco raccomandabili, dediti ad alcool e droghe.
Proprio grazie a una discussione furibonda con Pauline, Stefan ha deciso di cambiare il suo destino.
E l'incidente lo riporta ad avvicinarsi di nuovo a lei.
Pauline non è più la ragazzina di allora,  con grandi sacrifici è diventata ciò che desiderava di più: un medico anestesista.
Stefan grazie a un anziano gendarme, che gli ha cambiato la vita,  è passato dalla parte dei buoni arruolandosi nella Gendarmerie, ha lasciato i panni da bad boy e finalmente ha intrapreso la strada giusta. Non c'è donna... e uomo,  che non ne resti affascinato ma Stefan è uno spirito libero, non ha intenzione di vivere un rapporto duraturo con nessuno, la sua attuale vita professionale non glielo permetterebbe nemmeno.
Ma Pauline è casa, è ciò che ha desiderato di più ma non si sente all'altezza della bella dottoressa. Per cui l'unico modo per restarle accanto è come amico.
La storia ci viene raccontata attraverso dei POV  tra i due protagonisti ripercorrendo tutta la loro vicenda alternando il passato al presente.
Devo essere sincera, solitamente l'alternanza presente e passato mi piace molto ma in questo caso ho trovato che rallentasse la narrazione o forse mi ha reso impaziente di arrivare a capire cosa era capitato di così grave da allontanarli.
L'autrice ci vuole far conoscere bene i protagonisti principali, ma anche i secondari e a volte non vi nascondo che ho avuto difficoltà a ricordarli tutti. 
La scrittura è curata, tuttavia in alcune parti ho trovato che l'autrice si sia un po' dilungata.



Fra i personaggi sono presenti alcuni già incontrati nella precedente serie Six Senses (ANTEPRIMA SERIE QUI), che io non ho letto pertanto potete iniziare come me da questo per poi approfondire con la serie già pubblicata.
Le scene di sesso sono descritte sempre molto delicatamente e mai in modo volgare.
È presente un rapporto M/M ma accettabile anche da chi come me non legge il genere.
L'ambientazione nella Provenza mi ha fatto appassionare a questa storia che si svolge fra Cavaillon, Avignone, Marsiglia e Nizza fino ad arrivare al Principato di Monaco.
Visto il lavoro di Stefan saremo testimoni di azioni poliziesche nell'ambito di infiltrazioni nella mafia russa, una delle quali con triste epilogo.
Avrei voluto vivere di più il lieto fine e meno le passate vicende che hanno portato la nostra coppia ad allontanarsi in gioventù. 
Ho trovato interessante il ruolo dei personaggi secondari, uno in particolare che sicuramente ritroveremo in un successivo romanzo che l'autrice pubblicherà prossimamente.



Sono contenta di aver conosciuto la scrittura di  A.I. Cudil, una nuova ambientazione e una nuova storia d'amore, rimango in attesa di leggere quello che la sua mente si inventerà per il prossimo libro... intanto vi consiglio questo!




Se ti è piaciuto questo post clicca su

2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...