lunedì 13 luglio 2015

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: GUARDAMI, TOCCAMI, STRINGIMI "Peccato originale series #5 - The original sinner: The white years Series #1" di TIFFANY REISZ


Buonasera ragazze, esce tra pochissimi giorni il primo libro della serie WHITE YEARS di TIFFANY REISZ, la serie degli anni rossi l'abbiamo già potuta godere tempo fa, con PECCATO ORIGINALE, ora vi lasciamo con la nostra recensione in anteprima.


Titolo: Guardami, toccami, stringimi - The Saint

Autrice: Tiffany Reisz

Serie: The original sinner: The White Years #1
Editore: Newton Compton
Genere: Erotic Romance

Serie The original sinner: The White Years  
(ANTEPRIMA SERIE QUI)
1. Guardami, toccami, stringimi - The Saint 23/07/2015
2. The King
3. The Virgin
4. The Queen

TRAMA

Prima di diventare la più famosa dominatrice di Manhattan, Nora Sutherlin era solo una ragazza di nome Eleanor: profondi occhi verdi, poco incline alle regole, grande appassionata di scrittura. A sedici anni Elle ha già dovuto fare i conti con una madre ossessionata dalla religione e con un padre ben poco interessato a lei. L’educazione cattolica a cui è stata introdotta l’ha allontanata dalla chiesa, tuttavia lo sguardo magnetico di padre Stearns, ovvero Søren, su di lei è come un’epifania. Nonostante sappia che non sia lecito amare un sacerdote, Eleanor è divorata dal desiderio. Quando però si ritrova nei guai e rischia di perdere tutto quello che ha, è Søren a intervenire per salvarla. Per ricambiare tanta generosità, la ragazza giura di ripagarlo con la propria totale obbedienza: davanti a lei si spalancano quindi le porte di un mondo del quale Søren decide di rivelarle tutti i più intimi e inconfessabili segreti…






RECENSIONE
Io, che ho detestato Søren al primo incontro...
Io, che ho spasimato per il povero Wesley e non sopportavo Kingsley...
Io, che libro dopo libro ho cominciato a capire...
Io, che adesso sono completamente, irrimediabilmente, fottutamente ammaliata, intossicata, innamorata persa di questi due personaggi.
Se cercate una recensione lucida, obiettiva, razionale... passate oltre.



La scrittura di Tiffany Reisz mi ha stregata, soggiogata, rimbambita? Sì, probabilmente è così, visto che mi ha fatto accettare cose che mai avrei pensato di affrontare; sono entrata in un mondo che non mi interessava affatto, ma da curiosa della mente umana e di tutte le sue sfaccettature ho voluto fare questa esperienza, perché di questo si tratta, non di una semplice lettura.
Tiffany Reisz è riuscita a tenermi incollata alle pagine accompagnandomi in luoghi oscuri, ma ha reso tutto accettabile perché ogni gesto, ogni azione, ogni situazione è mossa da sentimenti di profondo amore, emozione, amicizia, lealtà, devozione.



In questo libro partiamo dall'inizio, quando Nora è ancora Eleanor, una ragazzina ribelle che, stanca del fanatismo religioso della madre, una mattina la informa che non frequenterà più la Chiesa... però la madre le dice che il nuovo prete guida una moto, qualcosa di italiano, una Vespa chiede lei, no, risponde la madre, qualcosa che inizia con la D, Du-qualcosa... Elle sbarra gli occhi, una DUCATI? La moto dei suoi sogni, la moto per cui avrebbe ucciso pur di averla tra le cosce... non sarebbe morta se fosse andata ancora una volta in Chiesa... sì, ancora una volta, solo un'ora, solo un'ultima messa: avrebbe visto la moto, forse l'avrebbe anche toccata, e poi ne sarebbe uscita. E sappiamo tutte che non è così, perché quando incontra Soren, si guardano e si riconoscono, sono due esseri che si appartengono.
Tutto comincia.



Søren la educa, la aiuta a studiare, la tira fuori dalla prigione, la fa infuriare, la piega alla sua volontà, in una parola la AMA, ma per essere sicuro che sia la cosa giusta per lei, la lascia libera di seguire la sua strada, la allontana, ma lei lo cerca come una nave punta la luce del faro nella notte per arrivare a un porto sicuro. Ne è stregata come una falena, che guidata dall'istinto per arrivare a destinazione senza sbagliare rotta deve tenere sempre la stessa inclinazione rispetto alla luce. E la sua luce è lui, Søren.
E poi c'è Kingsley, che.... beh, Kingsley è il solito irresistibile mascalzone, che quando parla non ti lascia mai indifferente, o ridi o gli daresti un pugno in faccia, o meglio... lo baceresti a sangue!!! È insuperabile, con le sue battute di spirito, la sua parlata francese sexy da sbavare... ma del King parleremo alla prossima recensione, perché il prossimo libro è dedicato a lui, altrettanto commovente, divertente, irriverente, dannatamente perverso e bollente... of course!!!


Tiffany Reisz è riuscita a costruire questa nuova serie in modo magistrale. Inizia sempre a intrigare il lettore con una storia al presente come pretesto per raccontare gli anni in cui i personaggi si sono conosciuti e come le relazioni tra di loro si sono evolute.
La sua scrittura è così magnetica e i personaggi così ben articolati e mai banali, che non mi sono mai resa conto di leggere la stessa storia da ormai ben 7 libri... come farò a ottobre quando uscirà l'ultimo? Aiuto!!! Aprite un Rehab preposto per le Tiffany Reisz addicted.
by Enrica

3 commenti:

  1. Enrica bellissima recensione penso possa essere utile anche a chi non ha mai letto la Reisz, in quanto hai espresso esattamente le titubanze che io, ma credo molte altre persone, hanno o hanno avuto nell'approcciare quest'autrice. E le mie reazioni sono state assolutamente identiche alle tue.

    RispondiElimina
  2. Enrica, come sempre sublime. Il tuo modo di recensire fa venir voglia di leggere qualsiasi cosa di cui tu stia parlando!! Grazie!! ❤️❤️❤️❤️

    RispondiElimina
  3. Grazie ragazze !!!
    Alla prossima...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...