venerdì 31 luglio 2015

TRADUZIONE DEL PRIMO CAPITOLO DI "PLAYING WITH FIRE" di LEXI RYAN


Dopo aver avuto il privilegio di leggere in anteprima l'ultimo libro pubblicato da Lexi Ryan in USA, dato che questa storia si riferisce a uno dei due contendenti di Hanna (Serie Un cuore non basta RECENSIONE QUI), abbiamo creduto di farvi cosa gradita a tradurre il primo capitolo....molto HOT!!!!





A proposito di Playing with fire.    RECENSIONE IN ANTEPRIMA

Dr. Phoenix Reid non è come sembra...

Tutti sanno che la fenice risorge dalle ceneri. Quello di cui non parlano sono le persone che trascina con lei nel fuoco.

Pensavo che una notte bollente con Max Hallowell fosse innocua. Non mi sarei mai aspettata che mi avrebbe costretto ad affrontare il mio passato o a riportare indietro l' uomo che aveva giurato che non mi avrebbe mai lasciata andare. Ora Max vuole aiutarmi. Vuole salvarmi. Ma se glielo permetto, sarà lui a essere distrutto. Riesco già a sentire l'odore delle fiamme.

Una donna dal passato segreto. Un uomo determinato a proteggerla. Una passione pericolosa che potrebbe costar loro tutto.





CAPITOLO 1

Nix

“Vuoi bere qualcosa con me?” chiede Krystal, in tono particolarmente vivace, anche per telefono. "Forse andremo al The Wire e lasciamo che i ragazzi del college flirtino con noi. O se ti piacciono locali, possiamo andare da Brady e muovere il culo mentre giochiamo a biliardo. "
Parcheggio la macchina nel vialetto, scendo, e procedo fino al mio portico. "Non posso. Max sta venendo a vedere perché la mia porta del garage non si chiude. "
"Max sta venendo da te?" Chiede, sospetto intrecciando le parole. "Max Hallowell?"
Alzo gli occhi alla mia amica amante dei pettegolezzi. "Sta venendo ad aggiustare la porta del garage." 
«È così che dicono i ragazzi adesso?" 
"Sei senza speranza," mormoro. “Non c'era nemmeno una goccia di allusione in quella frase." 
"Ho visto porno con configurazioni più innocenti di questo." 
Sospirando, apro la porta ed entro in casa. E 'difficile credere che questa è la mia vita ora - un ottimo lavoro, una casa splendida, e gli amici che mi prendono in giro sui potenziali collegamenti. E' una vita che non mi sarei mai aspettata di avere, ma lotterei come una furia per tenermela. "Fidati di me, se si trattasse di qualcosa di più, sarei nella doccia a depilarmi in questo momento." 
"Dovresti raderti comunque, per sicurezza." 
Sbuffo. "Arrivederci, Krys. divertiti stasera." 
"Anche tu", canta. 
Scuotendo la testa, finisco la chiamata e butto le chiavi e il telefono nel cestino accanto alla porta. Colgo un riflesso nello specchio, e mi giro intorno, il mio cuore batte all'impazzata. 
Solo la tua immaginazione. Solo la tua immaginazione. 
“Ehi?” Chiamo, entrando nella sala da pranzo con le gambe instabili.Non può essere lui. "C' è nessuno?" 
Voglio correre via da casa urlando, ma no. Questo è la mia casa e la mia vita. Non lascerò che lui mi faccia scappare via da qui. "Non è nemmeno qui, pazza," mormoro. 
Faccio un giro della casa lentamente, ma il mio cuore batte forte come se stessi correndo. Quando mi convinco di essere sola, esco fuori. Ho bisogno di aria fresca. Ho bisogno di ricordare a me stessa dove mi trovo. 
Io non ho sedici anni. 
Io non sono a Camelot. 
Stringo il parapetto e faccio dei respiri irregolari. Ho davvero pensato di averlo visto, e questo significa una delle due cose. 
O sto immaginando un nemico che non c'è e mi sento minacciata in casa mia- in altre parole, sto diventando come mia madre- o Patrick McCane mi ha trovato.

Max
Mi sento come un ragazzino brufoloso che sta per invitare una ragazza al ballo.
Francamente, non è così diverso. Sono venuto qui per aiutare un' amica, sì. Ma sono venuto anche con la speranza di ottenere un' appuntamento.
Sono passati alcuni anni da quando ho chiesto a qualcuno di uscire. Sono così arrugginito che quasi mi aspetto che la mia voce strida quando le proporrò di continuare a farci reciproca compagnia per la cena.

Parcheggio la mia auto sulla strada di fronte alla casa di Phoenix Reid e spengo il motore, ma non scendo subito. Mi siedo qui un minuto, solo a guardarla.

Lei è in piedi sul suo portico anteriore, sta guardando nel vuoto, le mani strette, avvolte intorno alla ringhiera. La sua gonna nera e la camicia grigia button-up sono appena visibili sotto il camice bianco. Non c'è niente di quel vestito che dica "sexy." Come non detto-non c'è nulla di quel vestito che stia cercando di essere sexy. E forse è per questo che lo è.

Dire che Nix non avesse mai attirato la mia attenzione sarebbe una bugia. Quando arrivò in città e iniziò a frequentare le sorelle Thompson, la notai decisamente. Difficile non farlo. Lei era così rigida e a disagio in quei primi mesi, e guardarla mentre si ambientava era come osservare un fiore che sboccia. Per qualche ragione la trasformazione mi ha sempre incuriosito, ma non ho mai pensato a lei come qualcosa di più di un' amica. 

Fino ad oggi. 
Fino a quando lei avvolse il suo stetoscopio dietro il collo di mia figlia e sorrise. Fece un piccolo discorso su come anche Claire poteva diventare un medico. Ha promesso di dare a Claire il suo stetoscopio quando si sarà laureata in medicina. Probabilmente lo fa con tutti i suoi pazienti pediatrici, ma lei non era un paziente qualsiasi. Quella era mia figlia, che idolatra il personaggio dei cartoni animati Doc McStuffins ed ha una madre la cui incoerente presenza nella sua vita l' ha confusa su chi è e su come sarà il suo futuro. Per mia figlia, non erano solo belle parole. Erano le parole migliori che Nix avrebbe potuto dirle.
Così eccomi qui. Mi sono organizzato con mia mamma per badare a Claire in modo che potessi venire ad aiutare Nix con un problema con la porta del garage che probabilmente potevo risolvere per telefono. Non ho esattamente un piano, ma penso che riparerò la sua porta e casualmente, dopo la inviterò a cena con me. Forse posso convincerla ad andare in qualche posto con una buona lista di vini, e potrò guardare le sue guance arrossire per il calore dell'alcool e il piacere della buona tavola. Cazzo, sembra fantastico.
Si volta e mi vede seduto nella mia macchina, poi mi saluta esitante, così esco fuori e mi avvicino. "Ciao."
"Ciao," Rispondo. "Va tutto bene? Sembravi un po' distratta quando sono arrivato. "
Lei mi incontra nel vialetto e si stringe nelle spalle. "Sto bene. Un ospite inatteso, ma se n'è andato ora. " 
«Di che cosa aveva bisogno?" 
Lei ingoia, gli occhi guizzanti per evitare il mio sguardo. "Niente. Voleva solo ricordarmi che sta pensando a me. " 
Improvvisamente i miei piani di chiederle di uscire sembrano presuntuosi. «Non sapevo che ti stavi vedendo con qualcuno." La mia voce gronda di delusione, ma lei non sembra accorgersene. 
"In effetti no. Questa non era una persona che volevo vedere ". 
Mi acciglio. "Hai bisogno di me per parlare con lui? Convincerlo a lasciarti in pace? " 
"No, no. Niente del genere."Lei tenta un sorriso, ma non è molto convincente. "Comunque, grazie mille per essere venuto." 
"Il piacere è tutto mio." 
Le sue guance si tingono di rosa. "Avrei potuto chiamare veramente qualcuno, però. Dov'è Claire? " 
«L'ho lasciata a mia mamma. E' la serata degli spaghetti, e la mamma fa la salsa migliore." Mi giro verso la casa. "Posto bellissimo e un grande quartiere. Mia mamma vive un paio di isolati più giù. Ti piace vivere qui? " 
"Sì. Mi sento un po' folle ad aver acquistato una casa così grande solo per me, ma quando è arrivata sul mercato non ho potuto resistere." 
E' una splendida Cape Cod nella storica New Hope. Le case qui sono state le prime ad essere costruite quando New Hope è stata fondata, e con la loro vicinanza al campus e al centro, la zona rimane la più ambita, con i locali più ricchi. Come quella di Nix, la maggior parte delle case sono state costantemente ristrutturate. 
"E 'un buon investimento. Questa è la porta che ti sta dando fastidio?» Mi dirigo verso la porta del garage aperto. 
"Già. Semplicemente non va giù e non rimane giù. Sono un po' a disagio circa la sicurezza, così. .” Lei inghiotte. "Odio che non funzioni bene."
Abbassandomi con i fianchi accanto agli occhi del laser del portone del garage, annuisco. "Ho avuto questo problema alla mia porta non molto tempo fa. Se questi occhi laser non sono proprio allineati pensano che ci sia qualcosa che blocca la porta, in modo che risalga come precauzione di sicurezza."
"Oh." Lei tira il labbro inferiore tra i denti e annuisce. "Ha un senso." 
Faccio degli aggiustamenti e poi un passo indietro. "Provalo ora." 
Va verso la sua macchina, afferra la borsa dal sedile del passeggero, e tira fuori un piccolo telecomando prima di entrare all'interno del garage con me. Quando preme il pulsante, la porta scivola giù facilmente, e quindi siamo solo noi due nel garage poco illuminato, e la scusa per la mia presenza qui si è esaurita. 
"Grazie, Max," dice. Lei fa due passi verso di me, si ferma, e intreccia le dita. "Mi sento in colpa per il fatto che sei venuto qui solo per questo."
"No farlo. Sono felice di aiutarti e non avevo altri impegni. E comunque, volevo ringraziarti per quello che hai detto a Claire allo studio. Potrebbe non sembrare importante quello che hai detto per una bambina di tre anni.
"Ha importanza. I bambini sentono di più di quanto si pensi, e se diciamo loro costantemente che sono carini o divertenti, cominceranno a pensare che lo che sono veramente.» Si infila le mani in tasca. "Scusa. Voglio dire, prego. Lei è una bambina così intelligente. " 
"Sì lo è. Proprio ieri mi diceva come nascono i bambini. " 
I suoi occhi si spalancano. "Seriamente?" 
"Sì. Mi ha raccontato tutto su come le mamme vanno al negozio e comprare un seme speciale e lo ingoiano in modo che un bambino cresca nelle loro pance. " 
Lei scoppia a ridere. E' bella quando ride. Le si illumina il viso. 
Cautamente, riduco la distanza tra noi e guardo verso di lei. Nix è alta, ma ho ancora qualche centimetro su di lei, e quando siamo così vicino lei deve alzare il collo per guardarmi. Lei si agita, spostandosi come se non fosse sicura se fare un passo indietro o stare ferma. Mi colpisce per la prima volta, il fatto che io non so davvero niente di lei. Certo, conosco la sua carriera ei suoi migliori amici, la sua vita come è adesso, ma io non so nulla di quello che c'è stato prima. "Da dove vieni, Nix? Dov'è la tua famiglia? " 
"Perché?" Qualcosa cambia, e il suo volto va dal calmo e gentile al freddo e distante. 
"Perché mi piacerebbe sapere di più su di te." 
Lei scuote la testa. "Sono abbastanza sicura di no, Max." 
Forse è il dolore che vedo sul suo viso che me lo fa fare. O forse è perché vedo la solitudine nei suoi occhi che capisco fin troppo bene e la voglio lavare via. O forse è più semplice di tutto quello. Forse ho bisogno di questo nel senso primordiale, più elementare. 
Qualunque sia la ragione, abbasso la testa e premo le mie labbra sulle sue. Lei non si tira indietro. Non sembra nemmeno sorpresa. 
Si avvicina ancora di più e geme contro la mia bocca. Quel suono sgretola quel poco di senso rimasto nel mio cervello, e invece di interrompere il bacio e chiederle di uscire a cena-.un passo logico successivo con una donna che è più una conoscente che un' amica-inclino la mia bocca sulla sua e infilo le dita tra i suoi capelli . 
I suoi capelli cadono in cumuli pesanti intorno alla mia mano. La molletta che li teneva lontani dal collo si apre e tintinna appena colpisce il pavimento del garage. Le sue mani raggiungono la mia camicia, prendendone manciate fino a quando devo rompere il bacio perché la sta sfilando sopra la mia testa. Poi le sue mani sono sul mio petto nudo, passando sullo stomaco e sui pettorali, immergendosi nella cintura dei jeans e-Gesù Cristo-sfiorando la punta del cazzo attraverso gli slip. 
Gemo nella sua bocca e uso tutta la mia concentrazione per stare fermo e non spingere ad ogni suo tocco. Non voglio che pensi che sia patetico o sessualmente frustrato. Anche se è vero.
Seguendo il suo esempio, lascio cadere le mie mani dai suoi capelli per liberarla della sua giacca. Mentre io sono a metà strada lungo le braccia, lei sbottona i miei pantaloni e li spinge giù lungo i miei fianchi, insieme ai boxer.
Cristo. 
Tutto sembra accadere in fretta. Un secondo, sto facendo scivolare la sua giacca lungo le braccia, e quello dopo lei ci sta spingendo a terra. Le nostre bocche a malapena separate e ci baciamo per tutto il tempo mentre ci sdraiamo prima che mi porti a sistemarmi sopra di lei, la gonna sollevata attorno ai fianchi, il mio cazzo posizionato proprio contro la sottile striscia di cotone tra le gambe. 
C'è qualcosa nel modo in cui mi bacia che mi fa venir voglia di darle qualsiasi cosa di cui abbia bisogno. Tutto ciò che vuole. E' un bacio quasi disperato- come se lei stesse aspettando la mia bocca da una vita e io fossi l'unico che può darle piacere. Non è solo il modo in cui strofina la lingua contro la mia o il fatto che lei è già così bagnata che posso sentirlo attraverso le sue mutandine. E' più dei piccoli gemiti che non riesco a trattenere e il modo in cui strofina le mani sul mio corpo. E' tutto questo e di più, e anche mentre una voce nella mia mente mi dice che questo è una pazzia, non c'è modo che io possa mettere un freno a tutto questo. 
Faccio scivolare la mano tra i nostri corpi e la accarezzo attraverso il tessuto bagnato. Il suo corpo rabbrividisce, e voglio farla rabbrividire di più, fino a sentire i suoi muscoli che si contraggono intorno a me, appena faccio scivolare le dita dentro di lei. 
Devo staccare la mia bocca dalla sua, così posso pensare. 
"Nix," dico. Le sue labbra sono gonfie e gli occhi sono nebulosi. 
La accarezzoi di nuovo, solo così posso vedere la smorfia piacere sul suo viso. 
"Dovremmo smettere?"
Farà male da morire, se lei dice di sì, ma qualcuno ha bisogno di fare la domanda. Preferisco trattare con le mie palle blu che con il suo rammarico.
"Per favore," sussurra. 
"Per favore . . . " Ingoio. "Per favore fermati o per favore toccami?" 
Solleva i fianchi da terra e si strofina contro la mia mano. "Toccami." 
Gemendo, strattono le mutandine di lato. La sua carne è liscia e levigata. Le mie dita scivolano sul clitoride e la sua testa rotola di lato mentre i suoi fianchi si alzano, portando le mie dita al suo centro. Ne affondo uno dentro. Lei è così dannatamente stretta. Tutto quello che riesco a pensare è entrare dentro di lei e sentirla spremere il mio cazzo. 
Rallenta, stronzo. 
"Hai un preservativo?" Chiede. 
Oh dannazione. Oh, cazzo, cazzo, cazzo. 
"Ne ho uno," dice in fretta. Si dimena da sotto di me e afferra la borsetta. Un attimo dopo, lei estrae un preservativo dalla confezione e io sono in ginocchio, guardandola mentre lo srotola su di me. 
Si toglie le mutandine, poi siamo di nuovo sul pavimento, Nix sotto di me, le sue gambe avvolte intorno a me. Qualcosa da qualche parte nella mia mente mi avverte che tutto questo sta succedendo troppo in fretta, ma le sue mani mi avvolgono il culo, sollecitandomi dentro, e non riesco a rifiutarla. 
Abbasso la testa e premo un bacio nell'incavo del suo collo mentre entro dentro di lei.
«Sì», sospira. Le sue dita si arricciano e le unghie mordono i miei fianchi, come se avesse paura che vada via se lei non mi tiene stretto. Ma io non vado da nessuna parte. 
In un primo momento, la lascio impostare il ritmo, adeguando le mie spinte a lei, ma presto sto affogando nel suono dei suoi gemiti e il calore del suo sesso spreme il mio cazzo, e perdo il controllo. 
Spingo duramente, in profondità e velocemente e lei è lì con me, la testa all'indietro, la schiena inarcata, le gambe chiuse dietro di me. 
Improvvisamente, il piacere è troppo. E 'stato troppo lungo cazzo e lei si sente troppo fottutamente bene. Vengo in fretta e con forza in un'esplosione di luce intensa e di piacere che mi lascia ansimante nell'incavo del suo collo. E' già successo. 
Oh. Caz.zo. 
Mi accarezza i capelli mentre riprendo fiato. "Grazie", mormora. "Probabilmente pensi che io sia una pazza ninfomane che salta addosso agli uomini nel suo garage, ma grazie per non esserti lasciato spaventare." 
Mi alzo sui gomiti così posso vederela e assicurarmi che lei sta scherzando. Ma non c'è umorismo sul suo viso. E 'grave. «Perché mi stai ringraziando?" 
Si morde il labbro e toglie lo sguardo da me. "Perché è stato . . . bello. Non che mi aspetti che accada di nuovo. Siamo adulti. So che era un colpo di fortuna e ora possiamo passare oltre. " 
Ma che diavolo? "Nix, guardami." Io non parlo finchè lei obbedisce. "Mi stai uccidendo. È già abbastanza brutto che io abbia finito così in fretta che non mi sono preoccupato di te, ma ora mi stai ringraziando? " 
" Sì. "
"Per un lavoro che non ho finito?"
Lei arrossisce. "Non è un problema. Sono . . . contenta ". 
Ma che cazzo! Abbasso la bocca sulla sua e la bacio prima che possa dire altro. Ho lasciato che il bacio fosse lungo e profondo, di quelli con le mani dappertutto e i gemiti soffocati. Quando mi tiro indietro, i suoi occhi sono di nuovo confusi. Dannazione. "Posso renderti meglio che contenta, tesoro." 

Traduzione di Enrica




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...