sabato 20 febbraio 2016

MALIZIOSA INNOCENZA "Serie Innocence #2" di ALESSANDRA TORRE


Oggi parliamo del secondo volume della trilogia erotica di Alessandra Torre. Lo ha letto per noi Martina, che questa volta pare essere rimasta un po' delusa. Ma andiamo a leggere la recensione.



TITOLO: MALIZIOSA INNOCENZA

SERIE: INNOCENCE #2

AUTORE: ALESSANDRA TORRE

GENERE: EROTIC ROMANCE

EDITORE: HARLEQUIN MONDADORI

Serie Innocence  ANTEPRIMA SERIE QUI
1. Peccato d'innocenza RECENSIONE QUI 21 Agosto 2014
1.5 Diary of Brad De Luca Inedito in Italia
2. Maliziosa Innocenza 18 Gennaio 2016
3. End of Innocence 


Brad De Luca è peccato allo stato puro. Non è solo l'aspetto a renderlo pericoloso, ma anche la cieca arroganza che domina ogni suo più piccolo gesto. La cosa ancora più frustrante per Julia Campbell, tirocinante presso lo studio legale di Brad, è che lui sarebbe in grado di farle fare qualunque cosa. E' abituato a vincere sempre e Julia non sa mai cosa aspettarsi quando se lo ritrova vicino. Lei ha rinunciato alla tranquillità, ai rapporti convenzionali, lasciandosi sedurre dal mondo che Brad ama e frequenta, e spogliandosi troppo in fretta di ogni inibizione. Un omicidio inaspettato, però, provoca una battuta d'arresto nella loro relazione. Una scia di sospetti che conducono a Brad costringono Julia a scegliere e le conseguenze saranno impossibili da prevedere.




Parlare di questo libro non mi sarà facile, l’attesa del seguito mi aveva fatto pensare che avrei letto qualcosa che sicuramente mi avrebbe entusiasmato. Il finale del primo volume Peccato d’innocenza mi aveva lasciato con la certezza che avrei scoperto i protagonisti, la loro storia, ma soprattutto volevo sapere se Julia dopo il suo “debutto” nelle perversioni di Brad fosse riuscita ancora a stare con lui. 
Maliziosa Innocenza, inizia subito con Julia e Brad insieme, ancora si frequentano, il loro rapporto va avanti senza troppe pretese sentimentali, stanno bene insieme, anche se il sesso è l’unica cosa che per il momento li unisce. Dal prologo si intuisce subito che a Julia piace il mondo segreto di Brad e la sua perplessità conosciuta all’inizio, nel venire a conoscenza dei desideri sessuali dell’avvocato, viene sostituita da un entusiasmo molto accentuato, tanto da stupire Brad stesso.






Inutile dire che Brad è all’apice del suo orgoglio maschile, vedere Julia così presa da lui e dalle sue preferenze sessuali lo esalta, finalmente ha trovato in lei la donna che ha sempre cercato, una donna che accetta e condivide i suoi gusti.

Sono al 25% del libro e ho già la sensazione che qualcosa non quadri, il loro rapporto viene descritto in modo superficiale, quello che mi aspettavo era che in Julia sorgessero dei dubbi o almeno delle domande, invece tutto va liscio come l’olio anzi, sembra che Julia sia abituata a certe esperienze, quello che traspare leggendo mi fa pensare che in realtà lei non desideri altro che di entrare nel suo ambiente perverso. 

Sembra quindi che nella vita di Julia non manchi niente: ha Brad e il suo praticantato sta per avere uno sviluppo non indifferente, il suo capo Broward ha deciso di assumerla nello studio e questo per Julia è fonte di grande soddisfazione, un passo importante per la sua carriera di futuro avvocato, quello che lei ha sempre desiderato sta per avverarsi.

La scrittrice non approfondisce molto i caratteri dei protagonisti, come li abbiamo conosciuti così restano. Julia sempre ironica e dinamica e Brad sempre con il suo carattere autoritario e prepotente, si punzecchiano con battute sarcastiche, non c’è mai un litigio, e anche se hanno qualche battibecco viene subito risolto. Ma da qui si nota un cambiamento in Brad da: "IO posso tutto e ottengo" tutto a: "fai di me quello che vuoi", insomma, diventa un po’ zerbino.



Ma la parte che preferisco in assoluto è quando arrivano a definire il loro rapporto. Brad si sente pronto a una relazione esclusiva ovviamente escludendo le loro preferenze sessuali che comportano interagire con altre persone, e Julia accetta senza indugio. Tutto questo viene descritto senza alcuna emozione, sembra di leggere la stesura di un contratto di lavoro con tanto di clausole. Brad si impegna a restare monogamo, non vuole perdere Julia e farà di tutto per tenersela stretta.
Anche le descrizioni delle loro sessioni di sesso non risultano affatto coinvolgenti, l'autrice non è riuscita a farmi vivere la loro passione e non ho provato quel pathos che avrei voluto. Fortunatamente a questo punto vengo catturata da un colpo di scena, l’avvocato Broward, che cambierà tutte le carte in tavola.
Mentre Julia rimane sconvolta da questa rivelazione, Brad non sembra turbato più di tanto e questo suo comportamento insospettisce.
Le domande che mi pongo a questo punto sono molte, si è insinuato in me il dubbio che Brad nasconda ancora qualche mistero. Molteplici le ipotesi immaginate, ma vi assicuro mai e poi mai sarei arrivata a quello che mi sono ritrovata a leggere anche se ahimè rimane l'unica cosa originale del libro. A voi naturalmente lascio il mistero, il dubbio e il piacere di scoprirlo.
Avrete capito che la storia mi ha deluso, risulta banale e scontata e lo si capisce ancor prima che il libro finisca. Non si fatica a immaginare come si svilupperanno le cose e i vari passaggi sono per lo più prevedibili. Anche i personaggi non sono approfonditi, restano in stallo senza evoluzioni di alcun genere, se non fosse per il segreto di Brad che crea un po’ di suspense, la lettura sarebbe noiosa e piatta.
Ve ne consiglio la lettura se avete letto il primo volume Peccato D’innocenza per sapere come prosegue la loro storia. Io naturalmente spero che con il terzo volume l'autrice riesca a risollevare le sorti di questa trilogia.




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...