lunedì 9 luglio 2018

Recensione: ALWAYS RED "Chasing Red #2" di ISABELLE RONIN


Salve Readers, la RECENSIONE di oggi è sul secondo volume della duologia CHASING RED di Isabelle Ronin edito da Mondadori. 
Con questo romanzo andiamo a concludere la sofferta e rocambolesca storia d'amore tra Caleb e Veronica. 
Ha letto il libro per noi Caterina, andiamo a scoprire cosa ne pensa.

 TITOLO: ALWAYS RED

TITOLO ORIGINALE: ALWAYS RED

SERIE: CHASING RED #2

AUTORE: ISABELLE RONIN

EDITORE: MONDADORI

GENERE: NEW ADULT

DATA DI USCITA: 3 LUGLIO 2018

Chasing Red Series:
1.   Red                    RECENSIONE
2.   Always Red 



Per Red la vita è stata sempre in salita. Tutto quello che ha se l'è dovuto sudare. E per riuscirci ha dovuto essere molto più forte della maggior parte delle persone. Perché, alla fine, non ha mai potuto contare sull'aiuto di nessuno. E ha imparato in fretta che spesso la gente è egoista. Vuole sempre qualcosa da te e una volta che l'ha ottenuta sparisce. Per questo si è rintanata dietro a un muro impenetrabile, che nessuno è mai riuscito a scavalcare: se diventi irraggiungibile, niente e nessuno può ferirti. Poi però è arrivato Caleb e tutte le sue convinzioni sono state spazzate via. Lui le ha insegnato cosa vuol dire amare ed essere amata. Le ha fatto capire cosa sia la tenerezza, cosa significhi essere desiderata, bramare di essere toccata, baciata. Ma quando sei "una ragazza dal cuore spezzato che possiede solo una valigia piena di storie tristi", non è facile lasciarsi andare completamente fino a mostrarsi vulnerabile. Così Red, senza quasi rendersene conto, più sente Caleb farsi strada attraverso le crepe del suo muro di diffidenza, più si ritrae, spaventata e incapace di fidarsi completamente di lui. Ma quando si permette al dolore e all'orgoglio di avere la meglio, il rischio è di perdersi e di perdere l'unica possibilità di essere davvero felici, soprattutto se vicino hai chi non aspetta altro per portarti via colui che potrebbe regalartela, la felicità.

Eccoci arrivate al tanto atteso secondo e ultimo volume di questa serie. 
Devo ammettere che avevo grosse aspettative rispetto a questo romanzo, forse troppe, ero sicura che sarebbe stato un crescendo.



Nel primo libro avevamo lasciato i nostri protagonisti, Veronica "Red" e Caleb separati. In questo riprendiamo esattamente dove ci eravamo interrotti. 
I problemi dei nostri innamorati tuttavia si risolvono piuttosto velocemente.
Appena Red si rende conto che Caleb potrebbe sparire per sempre dalla sua vita e che forse ha esagerato con il suo comportamento, corre ai ripari. 
C'è una sola verità: lei lo vuole, vuole stare con lui malgrado le terribili cose dette per proteggersi. Ed è ora per lei di dimostrarlo. 
Non sarà più Caleb a lottare per lei ma lei a lottare per lui. A fare quello che fin'ora non ha avuto il coraggio di fare, mostrargli che si fida di lui. 
Dopo qualche tentativo a vuoto riesce finalmente nel suo intento. In reatà abbastanza velocemente e forse troppo facilmente. Ci ritroviamo quindi all'idillio. I due sono sempre più presi l'uno dall'altra. Delle scene molto sensuali ci accompagneranno in questa parte del racconto. 
Caleb è dolcissimo, romanticissimo, forse in maniera esagerata. Veronica è diventata praticamente la sua ossessione. 
Siamo ancora nella prima parte del plot, quindi siamo certi che altro accadrà, deve accadere, sicuramente verremo stupiti da risvolti imprevedibili. 
La Ronin dopotutto ci ha abituato a un ritmo serrato e in realtà questo permane anche nel secondo volume. 
E di cose ne accadono effettivamente ma purtroppo tutto è molto prevedibile e tutto si risolve prima del dovuto. 
Non si ha il tempo di assaporare le emozioni, perché appena inizi a vivere i drammi in un attimo sono già risolti. 
L'ultima speranza la riponiamo nei cattivi, Beatrice-Rose e Justin, che vi assicuro sono dei veri pazzi psicopatici. 
E' qui che entra in gioco la parte suspense, rocambolesca quanto blanda. Poco curata. Scontata e tirata via.


Insomma, mentre il primo volume l'ho trovato tutto sommato piacevole, questo secondo sembra solo la bozza di un libro. Non sarebbe stato male se rimaneggiato, gli elementi ci sono ma avrebbero dovuto essere approfonditi, intensificati. Magari nella versione di Wattpad lo erano e qui è stato un po' troppo tagliato? Potrebbe essere, chissà. 
Leggendo, si ha l'impressione che l'autrice metta degli ostacoli sul percorso premurandosi di rimuoverli subito. Non ci dà il tempo materiale di soffrire e gioire con i personaggi. Di odiare i cattivi che più che cattivi diventano delle caricature patetiche dei cattivi o di amare i buoni che ci appaiono eccessivamente stucchevoli, quasi da crisi glicemica. 
Peccato, perchè la scrittura della Ronin è piacevole, scorrevole senza fronzoli, veloce, forse il problema è proprio questo, a volte troppo veloce. 
La duologia nel suo insieme si fa leggere senza difficoltà, è anche gradevole ma manca di imprevedibilità, coinvolgimento ma soprattutto di profondità.
Se ti è piaciuto questo post clicca su


Link d'acquisto Amazon


Clicca sull'immagine per leggere la RECENSIONE corrispondente



Clicca sull'icona corrispondente e seguici anche su:

        



SalvaSalva

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...