martedì 9 ottobre 2018

Recensione in anteprima: BIRTHDAY GIRL di PENELOPE DOUGLAS


Oggi recensione in anteprima! Uno dei tanti attesi, un libro che ci farà senz'altro discutere. Un forbidden romance, scritto dalla tanto amata Penelope Douglas, edito da Newton Compton.
Il libro lo ha letto per noi Barbara, andiamo a scoprire cosa ne pensa...

TITOLO: BIRTHDAY GIRL

TITOLO ORIGINALE: BIRTHDAY GIRL

AUTORE: PENELOPE DOUGLAS

EDITORE: NEWTON COMPTON

GENERE: FORBIDDEN ROMANCE

DATA D'USCITA : 11 OTTOBRE 2018

AUTOCONCLUSIVO


Cosa succede quando una ragazza si innamora dell’ultimo uomo al mondo che dovrebbe mai desiderare?
Jordan non aveva un posto dove andare, quando Pike l’ha accolta in casa. Pike è stato sempre gentile e premuroso. Per la prima volta dopo tanto tempo, lei si è sentita al sicuro. Jordan sa bene che lui, anche se non lo dice, vuole proteggerla. Lo vede nei suoi occhi la mattina, a colazione. E quando lui rientra, la sera, Jordan sente il cuore battere più forte. Ma sa che deve smetterla di pensare a lui. Perché Pike è libero, ma lei è impegnata.
Pike ha accolto Jordan in casa, cercando di rendersi utile. Ma non poteva immaginare che le cose sarebbero diventate così complicate. Pensa continuamente a lei e ogni volta che si incrociano in corridoio rimane senza fiato. Ma non può avvicinarsi, dovrebbe togliersi quel pensiero dalla testa. Eppure più passa il tempo e più Jordan diventa parte di lui. Una parte che non sarà mai libero di amare. Non perché ha solo diciannove anni. Ma perché è la ragazza di suo figlio.


Eccomi qui a parlarvi dell'ultimo libro scritto da Penelope Douglas che sono sicura susciterà dibattiti e pareri contrastanti nei vari gruppi di lettura del genere.
Questa volta ci troviamo di fronte non a un new adult, ma a qualcosa di completamente diverso, una storia che appartiene a un altro genere che la stessa autrice ha affermato di aver avuto la necessità di scrivere, un Forbidden romance. 


I protagonisti di questa storia sono Jordan, una ragazza di diciannove anni e Pike Lawson che di anni ne ha il doppio di lei: trentotto.
Quello che ci farà discutere non è solo la differenza di età dei protagonisti ma anche il fatto che Pike è il padre di Cole, il ragazzo di Jordan.
I due si incontreranno per caso in una sala cinematografica la sera del compleanno di lei, entrambi appassionati di film degli anni ottanta e ignari di avere in comune oltre ai numerosi interessi, soprattutto un legame: Cole.
Cole e Jordan si amano, si capiscono, sono stati prima amici poi innamorati.
Trovano conforto l'uno nell'altra.
Cole è cresciuto con una madre frivola che lo ha indotto ad avere un rapporto di odio/amore con il padre. Ha mentito addossando a Pike ogni responsabilità circa la fine della loro storia.
I suoi genitori sono stati insieme solo pochi anni dopo la sua nascita.
Cole sente di non aver ancora trovato la sua strada. Passa il tempo con gli amici e Jordan, rifuggendo dalle responsabilità che Pike cerca di assegnargli coinvolgendolo nel suo lavoro.
Jordan invece, anche se ha appena diciannove anni, di responsabilità forse ne ha fin troppa.
Lei sa bene cosa vuole fare. Vuole continuare gli studi, per cui ogni sera lavora come cameriera in un bar per potersi mantenere al college e pagare l'affitto per un appartamento con Cole.
Ha perso la mamma quando era bambina e il padre, pur avendo sempre provveduto a darle un tetto sopra la testa, non le ha dato mai la cosa che più desiderava: attenzione e amore.
Quindi nel momento in cui Cole le propone di andare insieme a vivere da suo padre Pike per risparmiare, Jordan accetta e da ragazza responsabile contribuirà a fare la sua parte occupandosi della casa e di cucinare per tutti.
Quello che però nessuno aveva previsto era che la chimica che li ha fatti incontrare in quella sala buia del cinema tornasse travolgente.


Ho sempre amato gli uomini più grandi di me, fin da ragazzina,  per cui leggendo questa storia mi sono sentita in piena sintonia con Jordan.
Nonostante riconosca che Cole è un ragazzo divertente e affascinante, Pike mi ha conquistata da subito.
È un uomo che ha rinunciato ai suoi sogni per prendersi le proprie responsabilità di fronte a un figlio.
Aveva l'età di Cole quando è diventato padre.
Ha rinunciato alla carriera sportiva e militare per dare a suo figlio il sostegno economico e affettivo.
Sicuramente se la madre di Cole non avesse ostacolato in tutti i modi il loro rapporto avrebbero entrambi goduto maggiormente della reciproca compagnia.
È rimasto talmente scottato con la madre di suo figlio che non si fida più delle donne, non si è mai fatto coinvolgere sentimentalmente in una storia. 
Le donne da lui possono avere solo sesso, nessun coinvolgimento lo può toccare.
Ma Jordan giovane, bellissima e dolce abbatte ogni sua difesa.
Complici gli eventi che li porteranno a passare sempre più tempo insieme, condivideranno una naturale empatia che li porterà a desiderare ciò che non possono avere.
Jordan è la donna che Pike ha sempre desiderato.
Bella, intelligente, dolce, combattiva e pronta a prendersi cura della propria famiglia.
Pike più maturo e più saggio tenterà in tutti i modi di respingere ciò che sente per Jordan ma la "ragazzina" sconfiggerà ogni suo riserbo portandolo a vivere quella naturale attrazione che li spinge l'una nel letto dell'altro.
La passione fra loro è travolgente ed eccitante anche per il lettore che non riuscirà a staccarsi dalle pagine bollenti che susseguiranno.
Fino a che la realtà non metterà tutto in discussione di nuovo.


In questi giorni io e la mia amica Caterina abbiamo discusso approfonditamente sulla responsabilità che un recensore di un blog ha nei confronti dei lettori che lo seguono.
Innanzitutto l'obiettività deve essere sempre il punto di partenza anche se in primis siamo lettori appassionati del genere romance e delle autrici che scegliamo di leggere.
Ormai sapete che Penelope Douglas è la mia autrice preferita, credo di averlo puntualizzato più di una volta. Ogni suo romanzo mi coinvolge al punto che alla fine del libro sento sempre una certa nostalgia. Non vorrei mai smettere di leggerla. 
Anche questo libro dopo la parola fine mi ha lasciato un senso di vuoto, avrei voluto non finirlo mai.
Per quanto riguarda la votazione, ritornando all'obiettività di cui si parlava devo ammettere che mentre con il cuore anche questa volta promuoverei la storia a pieni voti, con la testa devo tenere conto che  rispetto ai precedenti  il coinvolgimento è stato un gradino più basso. 
Invito tutte le amanti del romance a leggere la Douglas anche in questa veste diversa perché comunque stiamo parlando sempre di una delle autrici sulla cima del podio o almeno del mio podio!
Una news, verso la fine troverete un personaggio maschile molto interessante, che almeno a me ha suscitato curiosità, non è buttato lì a caso, nei ringraziamenti l'autrice ci svela che un nuovo libro autoconclusivo verrà pubblicato e sono sicura che coinvolgerà proprio il personaggio che mi ha colpito, vediamo se indovinate chi è…
Se ti è piaciuto questo post clicca su


Link d'acquisto Amazon



Clicca sull'icona corrispondente e seguici anche su:

        

2 commenti:

  1. ciao mi consiglieresti qualche romanzo dell'autrice? grazie mille

    RispondiElimina
  2. Ciao, io amo la Douglas e tutti i suoi romanzi.
    Hai letto la serie Fall Away?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...